VERTIGINI EDIZIONE I


Vertigini edizione 1

Hangar11_Belluno

20-21-22 Settembre 2019

 

SlowMachine, realtà artistica bellunese guidata da Rajeev Badhan ed Elena Strada, dà il via ufficiale a Vertigini, un Festival di arti performative di fine estate che prevede treserate dedicate alle arti dal vivo e alla commistione di generi e nuovi linguaggi, tra teatro, musica, e arti visive. 

Particolarità di questo Festival è il suggestivo luogo di realizzazione, un ex hangar militare di 300 mq nella prima periferia di Belluno che, grazie al lavoro di SlowMachine e di volontari che collaborano al progetto, sta diventando uno spazio performativo a tutti gli effetti. Collegato al festival Vertigini, è infatti il progetto di riqualificazione dello spazio Hangar11, spazio affidato a SlowMachine dal Comune di Belluno presso il compendio dell’ex-caserma Piave (SpazioEX), progetto intrapreso nel 2015 per creare nella città di Belluno un nuovo luogo di aggregazione, di formazione, di condivisione artistica e di idee, di riflessione sull’arte contemporanea e di sviluppo di nuove produzioni artistiche.

Il Festival è ancora in via sperimentale, in un luogo complesso e in divenire, senza alcun finanziamento esterno e completamente realizzato grazie alla collaborazione volontaria di un gruppo di giovani che ha creduto e crede nella possibilità di miglioramento della qualità di vita di un territorio anche attraverso la qualità delle proposte artistiche e culturali che vi si realizzano. Gli eventuali fondi raccolti, una volta coperte le spese, saranno impiegati nella riqualificazione e mantenimento dello spazio Hangar11.

 

Questo il programma della prima edizione, che prevede anche un workshop con un importante giovane artista del panorama musicale italiano, Enrico Malatesta.

 

Venerdì 20

 

21:00 

 

Between me and P._Filippo M. Ceredi

Teatro-performance-documentario

Un lavoro autobiografico che nasce dalla radicale esigenza di riappropriazione di una storia famigliare. Pietro sparì volontariamente nel 1987 all’età di 22 anni, senza lasciare tracce. Dopo venticinque anni Filippo, il fratello minore, ha avviato una lunga ricerca per tentare di avvicinarsi a lui e capire cosa lo portò alla decisione di sparire. La ricerca è un tentativo di portare luce su un’assenza silenziosa e pervasiva, e la sua elaborazione scenica è una possibilità di trasmettere una storia che parla profondamente al presente individuale e collettivo.

Filippo Michelangelo Ceredi è nato a Locarno nel 1982. Cresce e studia a Milano, dove si laurea in filosofia con una tesi sulla Funzione delle passioni e della violenza nella tragedia greca. Lavora come assistente alla regìa di Marco Bechis nel film Il sorriso del capo (2011), in collaborazione con Istituto Luce, e nella serie web Il rumore della memoria (2014). Assiste Iacopo Patierno nella realizzazione della serie web per il progetto italo-mozambicano Il teatro fa bene (2016) e dirige lavori da videomaker.  Dal 2012 inizia una formazione teatrale seguendo i laboratori del Teatro delle Moire e lavorando come tecnico per progetti teatrali. Nel 2016 debutta a Danae Festival con Between Me and P., presentato successivamente a Santarcangelo Festival 2017.

 

22:30 

 

Rudimenti_ Enrico Malatesta

Performance sonora per strumenti a pelle e dispositivi di playback 

 

Enrico Malatesta, (1985). Percussionista e ricercatore indipendente attivo in ambiti sperimentali posti tra musica, performance e indagine territoriale; la sua pratica esplora la relazione tra suono, spazio e movimento e la vitalità dei materiali con particolare attenzione alle superfici, alle modalità di ascolto e alla definizione di informazioni multiple attraverso un approccio ecologico e sostenibile allo strumento percussivo. La sua pratica esplora le relazioni tra suono, spazio e movimento con particolare attenzione alle modalità di ascolto, alle affordances degli strumenti e al poliritmo, inteso come definizione di informazioni multiple attraverso un approccio ecologico e sostenibile all’atto percussivo. Presenta il proprio lavoro in Italia, Europa, Nord America, Giappone e Corea del Sud, partecipando a importanti festival di musica contemporanea e arti performative.

Tra le principali collaborazioni in ambiti multidisciplinari posti tra musica e arti performative si ricordano, Teatro Valdoca e Mariangela Gualtieri, SOCIETAS / Chiara Guidi, Cristina Kristal Rizzo

 

Sabato 21

 

21:00

 

In your face_Ateliersi

Teatro-musica dal vivo

 

Alcune persone attraverso i social media scandiscono in modo efficace la loro relazione con gli accadimenti del reale. Generano visioni e posizioni autonome, hanno la capacità di distribuire i loro interventi, la loro presenza, il loro pensiero a ritmo con la qualità di ricezione della propria comunità.

In Your Face attinge dai loro profili Facebook, utilizzando il linguaggio dei social media per la riscrittura dell’opera Trovarsi di Pirandello. Si manifesta in un flusso teatrale e musicale che propone un nuovo punto di vista per osservare il rapporto tra l’io e la sua rappresentazione.
Seguendo le analogie tra la dispersione della personalità pirandelliana e la costruzione dei profili personali in Facebook, In Your Face interroga i meccanismi del riconoscimento, trascinando lo spettatore nell’ambiguità tra serendipità e omofilia: in quella zona tra la scoperta dell’inaspettato e il riflesso di se stessi che caratterizza la vita nei social.

Di e con Fiorenza Menni e Andrea Mochi Sismondi / musiche composte ed eseguite dal vivo da Vittoria Burattini, Vincenzo Scorza e Mauro Sommavilla

Ateliersi è un collettivo di produzione artistica che opera nell’ambito di arti performative e teatrali. Si occupa di produzione artistica e della cura della programmazione culturale dell’Atelier Sì. La creazione di Ateliersi si compone di opere teatrali e interventi artistici in cui il gesto performativo entra in dialogo organico con l’antropologia, la letteratura, la produzione musicale e le arti visive per favorire una comunicazione del pensiero capace di intercettare inquietudini e prospettive che coagulano senso intorno ai sovvertimenti che si manifestano nel mondo.

23:00 

Laser Drawing_Alberto Novello a.k.a. JesterN

Visual listening

 

Guarda il Suono ed Ascolta la Luce

Alberto Novello usa il suono del suo sintetizzatore per modulare la luce laser in forme sinuose e colorate. Un’improvvisazione che unisce audio ed immagini, connettendo i sensi del pubblico in un’unica esperienza sinestesica. L’ha definito “Visual Listening”: ascoltare piùprofondamente il suono tramite le immagini della luce laser.

 

Alberto Novello a.k.a. JesterN, è un artista multimediale, scienziato e compositore. 

Il suo principale ambito di attività si basa sulla creazione di architetture multimediali probabilistiche, al limite tecnologico tra instabilità ed errore. 

Le opere e performance di Alberto Novello, sono state presentate in festival internazionali di rilievo come il Centro Pompidou a Paris, l’Amsterdam Dance Event, il New York Computer Music Festival, Bozar Bruxelles ed il Seoul International Music Festival. 

 

Domenica 22

 

21:00 

 

Concerto Paolo Spaccamonti

presentazione nuovo album Volume Quattro, disco del mese per la rivista Rumore

Musica dal vivo

 

Chitarrista e compositore, il torinese Paolo Spaccamonti si è costruito nell’arco di soli dieci anni un profilo di prima fascia nel circuito dell’avanguardia italiana grazie a una discografia ormai ricchissima, fatta tanto di dischi in proprio (Buone Notizie, Rumors) quanto di lavori in coppia con eccellenze musicali italiane (Stefano Pilia, Mombu, Ramon Moro, Daniele Brusaschetto, l’italiano d’adozione Paul Beauchamp) e straniere, come quel Jochen Arbeit degli Einstürzende Neubaten con cui ha firmato CLN nel 2018. Album a cui si aggiungono lavori legati a reading, sonorizzazioni per televisione (la produzione RAI “I mille giorni di mafia capitale” insieme a Riccardo Sinigallia), cinema (“I Cormorani”, “Lo spietato”) e film muti (Once upon a time, Vampyr) oltre ad un numero ormai sterminato di collaborazioni live di prestigio con musicisti come Ben Chasny (Six Organs Of Admittance), Jim White (Dirty Three), Julia Kent, Damo Suzuki (Can), Emidio Clementi (Massimo Volume) ed artisti come il fotografo Jacopo Benassi, Masbedo, Donato Sansone, Michela Lucenti / Balletto Civile. l’attore Valter Malosti e il sound designer Gup Alcaro.  

 

22:00 

 

Dj set

_____________________________________________________

 

Workshop “Esercizi Rudimentali” di e con Enrico Malatesta

18-19-20 Settembre – Studio Slow in Via del Piave, 4 Belluno

Esercizi dedicati ad ascolto attivo, relazione tra suono, spazio e movimento e vitalità delle superfici di e con Enrico Malatesta 

Esercizi Rudimentali è una raccolta di esercizi in continua evoluzione in accordo con la ricerca dell’autore e le potenzialità di trasmissione che essa produce. L’intento è presentare un dispositivo di indagine che utilizza la vulnerabilità del corpo per ampliare le modalità di ascolto attivo e la relazione tra suono, spazio e movimento. Attraverso una pratica aperta, si espone l’ascoltatore all’incontro con ciò che lo circonda e, restituendo vitalità al suono, si nutre l’attenzione e le disponibilità dell’intuizione per rendere abitabile l’esperienza aurale. Esercizi Rudimentali viene presentato attraverso performance informali, pratiche spaziali, testi/scores ed esercizi dedicati alla relazione tra suono, spazio e corpo.Si rivolge a chiunque sia interessato ad utilizzare il corpo come strumento di ascolto, ricerca ed estensione della capacità percettiva e di movimento in relazione al suono e allo spazio; attraverso semplici esperienze di ascolto e azione, si pone l’ascoltatore in una condizione di apertura e interscambio con ciò che lo circonda, partendo dalla vitalità del suono per attivare un’abitabilità dello spazio che, in divenire, è definita dal movimento del performer. I vari esercizi di ascolto attivo servono a indagare la relazione tra performer ed eventi acustici, la produzione del suono e il modellarsi del corpo in funzione del suono, restituendo all’esperienza mobilità e intensità al fine di migliorare la struttura attentiva dei partecipanti e ampliare le modalità di ascolto. 

INFO:
info e prenotazioni per gli eventi:
biglietteria@slowmachine.org / +39 3289252116

Ingresso riservato ai soci SlowMachine (è valida anche la tessera della scorsa edizione di Vertigini).
Hangar11 – SpazioEx (ex-caserma Piave), Via Tiziano Vecellio 82N – Belluno

· 20 e 21 settembre – contributo intera serata 20 €, performance/concerto,
· 22 settembre ingresso 15 €
· Abbonamento per le 3 serate 45 €
· Sottscrizione tessera soci 10 € – Per i nuovi soci 1 drink gratis è una borsetta

Iscrizioni workshop: formazione@slowmachine.org
iscrizione obbligatoria entro il 9 settembre, numero massimo di partecipanti 7

Hangar11 aprirà alle ore 20:00

I contributi per le serate e il laboratorio andranno a sostenere il progetto di riqualificazione dello spazio Hangar11.