RACCONTI DI GIUGNO

SABATO 17 GENNAIO

TEATRO COMUNALE DI BELLUNO ORE 20:45

RACCONTI DI GIUGNO incontro con se stesso

di e con Pippo Delbono

suono di Pepe Robledo.

Durata: 75′

“Delbono si guarda dentro senza mai dimenticare quel che lo circonda in una una serata-confessione di grande spessore emotivo e intellettivo

Franco Quadri, La Repubblica

“Una sorta di diario di bordo, un’introspezione sul senso nascosto delle relazioni, sul lato dei desideri non espressi ma mostrati, sulla curiosità per gli altri, il filo rosso degli invaghimenti, la coscienza di una bellezza senza confini nelle storie, l’ardore non solo etico nelle scene della vita e nelle scene del teatro, l’estasi delle cose che ti perdono e che gli altri non ti perdonano, quel qualcosa di se stesso mai detto forse perché mai chiesto. Le coincidenze (tante) del mese di giugno, il mese in cui sono nato.”

Pippo Delbono

PippoDelbono

Pippo Delbono, autore, attore, regista, nasce a Varazze (SV) nel 1959. Negli anni 80 inizia  gli studi di arte drammatica in una scuola tradizionale che lascia in seguito   all’incontro  con Pepe Robledo,  un attore argentino proveniente dal Libre Teatro Libre . Insieme si trasferiscono in Danimarca e si uniscono al gruppo Farfa, diretto da Iben Nagel Rasmussen, attrice storica dell’Odin Teatret e per Delbono inizia un percorso alternativo alla ricerca di un nuovo linguaggio teatrale. Delbono si dedica allo studio dei principi del teatro orientale che approfondisce nei successivi soggiorni in India, Cina, Bali, dove fulcro  centrale è un lavoro minuzioso e rigoroso ,dell’attore sul  corpo e la voce. Nel 1987 crea il suo primo spettacolo e nello stesso anno incontra Pina Bausch che lo invita a partecipare a uno dei lavori del suo Wuppertaler Tanztheater. Questa straordinaria occasione segna  una tappa fondamentale nel percorso artistico del regista. Gli spettacoli di Delbono non sono allestimenti di testi teatrali ma creazioni totali,  gli attori sono parte di un nucleo che si mantiene e cresce nel tempo. Ne La rabbia, un omaggio a Pier Paolo Pasolini, creato nel 1995, si può riscontrare  una modalità diversa di fare teatro, che si esprime compiutamente in  Barboni (1997), vincitore del premio speciale Ubu 1997 «per una ricerca condotta tra arte e vita»  e del premio della critica nel 1998. Nel 2011 al Teatro Verdi di Padova debutta il suo ultimo lavoro Dopo la battaglia,  un’ulteriore omaggio agli ultimi . Lo spettacolo  viene da subito definito un inno all’amore guadagnandosi il Premio UBU 2011 come ” Miglior Spettacolo” La Compagnia Pippo Delbono è stata ospite di diversi festival teatrali internazionali tra cui il Festival di Avignon che l’ha accolta per quattro volte, coproducendo lo spettacolo Urlo. Molti teatri  hanno dedicato retrospettive ai loro spettacoli tra i quali  il Théâtre du Rond Point di Parigi, il CCB di Lisbona, il Palais des Beaux Arts di Bruxelles, il Berliner Festpiele di Berlino, il Festival di Otono di Madrid. L’Enrico V,  è stato rappresentato  alla Royal Shakespeare Company di Stratford-upon-Avon. La Compagnia Delbono, ha fatto tappa in più di cinquanta  paesi al mondo rappresentando  un caso unico nella storia del teatro italiano. 

Numerose le pubblicazioni sul lavoro delboniano.

www.pippodelbono.it


BIGLIETTI:
Platea e galleria centrale: 27€ INTERO / 25€ RIDOTTO*
Galleria Laterale: 22€ INTERO / 20€ RIDOTTO*
Loggione: 12€ INTERO / 10€ RIDOTTO*
RIDOTTO*: fino ai 30 anni compiuti / over 65
INFO ABBONAMENTI E PRENOTAZIONI
biglietteria@slowmachine.org / Tel. 328 9252116