PRIMO CANTO per voce e tempesta

Con ELENA STRADA

Regia RAJEEV BADHAN 

Tratto da “CAUSA DI BEATIFICAZIONE” di MASSIMO SGORBANI

Una produzione SLOWMACHINE

Anno 2014

Durata 30 Minuti

LA PERFORMANCE

Può la voce farsi immagine, e l’immagine farsi verbo.
La voce di una monaca, in un’astratta temporalità medievale, “canta” l’estasi e il dolore della sua vocazione mistica. Una donna e la sua storia, un monologo di struggente intensità linguistica, dove stretta è la relazione tra la maternità, la violenza e il divino, tra il sacro e il profano, tra la disperazione e la gioia, tra la solitudine e la divina appartenenza al tutto. La tempesta si fa interlocutrice spirituale, si fa materia divina oltre che perenne e carnale tormento.

canto-primo

Il testo è ispirato alla figura e alle testimonianze della beata Angela da Foligno (1248 ca.- 1309) mistica del III° ordine francescano che visse sull’esempio di Francesco d’Assisi in penitenza e nella radicale imitazione di Gesù, venerata con il titolo di Beata e Magistra Theologorum, ossia Maestra dei Teologi, perché in vita attorno a lei si era raccolto un Cenacolo di figli spirituali. Santificata da Papa Francesco il 9 Ottobre 2013.

Il lavoro centra nella parola la sua ricerca espressiva. La parola si struttura, crea immagini e svela non solo il senso del linguaggio, ma anche la sua emotività e la sua ritmica. La ricerca di questa performance, dove la tecnica vocale dell’attrice si fonde con tecnologia in una performance live che sviluppa, nella creazione di una persistenza sonora delle parole, un percorso di astrazione in grado di amplificare emotivamente il percorso mistico e passionale del testo di Massimo Sgorbani

14192640_1442814965751744_8197726563202817318_n