IL GIARDINO DELLE ROSE

VENERDì 20 e SABATO 21 FEBBRAIO

TEATRO COMUNALE DI BELLUNO ORE 20:45

IL GIARDINO DELLE ROSE

SLOWMACHINE

di: Elena Strada regia: Rajeev Badhan scene e musiche : Giulia Casari costumi : Alessandra Zanini maschere : Lucio Serpani con Elena Strada, Eliseo Cannone Diego Giannettoni e Luigi Rizzo.

Produzione : SlowMachine con il sostegno di : Comune di Bergamo e Zu Garage

Durata: 75′

e poi….che cos’è la bellezza? solo un’antidoto alla stupidità! Una magra consolazione….. “

SlowMachine ha deciso di proporre all’interno della stagione questo lavoro e di programmarlo all’inizio degli spettacoli in abbonamento come approccio festoso e divertente al teatro, per offrire la possibilità di avere un appuntamento in teatro dedicato ad un pubblico più vasto possibile. Nella condivisione di un teatro che non ha “fasce”, ne di età…ne di prezzo. Un teatro per tutti. Come nelle tradizioni popolari in cui una storia non è di nessuno se non delle labbra di chi la racconta o, nel nostro caso, degli occhi di chi la guarda. Una commedia grottesca, una fiaba teatrale sempre al limite tra il sogno e il reale che rivisita il linguaggio della Commedia dell’Arte non solo come codice universale ma anche come potenziale di espressività e di suggestione visiva. Nel Giardino delle Rose, come in un carillon che non si ferma mai, i protagonisti della fiaba centenaria della Bella e la Bestia, ruotano vorticosamente, si rincorrono, inseguono i propri sogni, cercano la felicità e tramano per ottenerla. Uno spettacolo che parla della bellezza, e su di essa s’interroga, che affronta in modo ironico e divertente il complesso tema della “normalità”.

SLOWMACHINE nasce a Belluno nel 2012 ed è un gruppo di sperimentazione artistica che lavora sulla contaminazione delle arti, con l’esigenza di creare un polo che racchiuda in se la realizzazione, l’ideazione e la contaminazione di lavori teatrali e video. Nel 2012 vince il bando di residenza promosso da C32 Performing Art Workspace, presso Parco del Contemporaneo-Forte Marghera dove è stato portato a compimento lo spettacolo “VideoDran”, progetto d’esordio della compagnia, che ha in seguito partecipato a numerosi festival nazionali. Nel 2013 produce con il contributo del Comune di Bergamo lo spettacolo “Il Giardino delle Rose”. Nel 2014, grazie al sostegno del Festival Ecce Histrio di Brescia, dà vita allo spettacolo “Primo Canto per Voce e Tempesta” dal testo “Causa di Beatificazione” di Massimo Sgorbani. SlowMachine ha anche una sezione di teatro ragazzi con cui ha prodotto due spettacoli: “Le Fiabe dei Fratelli Grimm”, “Babbo Natale Rock”, rappresentati in tutto il nord Italia. Da settembre 2014 SlowMachine inizia il progetto triennale di Residenza Teatrale presso il Teatro Comunale di Belluno in collaborazione con la Fondazione Teatri delle Dolomiti e il Comune di Belluno. Dal Dicembre 2014 inizia a lavorare in teatro progettando e realizzando la Stagione del Teatro Comunale 2015 dandole il nome di BELLUNO MIRAGGI, sotto la direzione artistica di Rajeev Badhan e Elena Strada occupandosi anche dell’organizzazione, della promozione e delle idee comunicative avvalendosi della collaborazione di artisti e professionisti del territorio. I suoi fondatori provengono da esperienze di formazione artistica conseguendo lauree e diplomi presso università e accademie quali: lo IUAV di Venezia, il DAMS di Padova, l’Accademia d’Arte Drammatica Nico Pepe di Udine, il Centro Sperimentale di Cinematografia, l’Accademia Teatrale Veneta e La Biennale di Venezia.

www.slowmachine.org


BIGLIETTI:
BIGLIETTO UNICO CON POSTO NUMERATO:
15 € INTERO
10 € RIDOTTO under 12
INFO ABBONAMENTI E PRENOTAZIONI
biglietteria@slowmachine.org / Tel. 328 9252116