CHI SIAMO

 

RAJEEV BADHAN nasce a Feltre (BL) nel 1983. Consegue la laurea specialistica in Produzione e Progettazione delle Arti Visive presso lo IUAV di Venezia e si diploma come attore all’Accademia Teatrale Veneta specializzandosi poi al Centro Sperimentale di Cinematografia. Segue workshop con alcuni dei più importanti maestri della scena contemporanea come Thomas Ostermeier, Declan Donnelland, Virgilio Sieni ecc. anche presso La Biennale Teatro di Venezia. Fonda nel 2012 la compagnia SlowMachine. È regista degli spettacoli di SlowMachine e di progetti video indipendenti e spot, lavora come attore sia per il teatro che per il cinema. E’ docente presso il laboratorio di regia video dell’Istituto superiore Leonardo da Vinci di Belluno. Dal 2014 è Ideatore, Direttore Artistico e Organizzativo della stagione teatrale del Teatro Comunale di Belluno BELLUNO MIRAGGI e ne supervisiona anche gli aspetti comunicativi, di promozione e d’immagine.

 

ELENA STRADA nasce a Brescia nel 1984. Dopo essersi laureata al DAMS di Padova, si diploma all’Accademia d’Arte Drammatica “Nico Pepe” di Udine  e si specializza con un Master presso il Centro Sperimentale di Cinematografia. Segue nel contempo un percorso di formazione personale seguendo numerosi workshop con professionisti del settore anche presso La Biennale Teatro di Venezia come Luca Ronconi, Romeo Castellucci, Rodrigo Garcia ecc. Fonda nel 2012 la Compagnia SlowMachine, dove lavora stabilmente come attrice e drammaturga. Collabora come attrice con il ctb – Teatro Stabile di Brescia e varie compagnie teatrali tra Brescia, Venezia, Udine e come assistente alla regia con la compagnia Officina Teatro di Lugano. Idea e cura dal 2014, insieme a Rajeev Badhan, la direzione artistica della stagione teatrale BELLUNO MIRAGGI presso il Teatro Comunale di Belluno, occupandosi e supervisionando anche le attività di ufficio stampa, di promozione e di social marketing.


COLLABORANO CON NOI:

ELISEO CANNONE, MAURO SOMMAVILLA, CRISTIANA MORITSCH, LAURA SERENA ,DIEGO GIANNETTONI, GIULIA CASARI, MATTEO FRANCHINI, LUIGI RIZZO, GIULIO CANESTRELLI, LUCIO SERPANI, ERICAILCANE, DAVIDE ZUCCO, EMANUELE KABU, LAURA PISON, ENRICO FIOCCO, MICHELE BRAGA, GIOVANNI EPIS. 

SLOWMACHINE

nasce nel 2012 ed è un gruppo di sperimentazione artistica che lavora sulla contaminazione delle arti, con l’esigenza di creare un polo che racchiuda in se la realizzazione, l’ideazione e la contaminazione di lavori teatrali e video. Nel 2012 vince il bando di residenza promosso da C32 Performing Art Workspace, presso Parco del Contemporaneo-Forte Marghera dove è stato portato a compimento lo spettacolo “VideoDran” ideato da Rajeev Badhan, progetto d’esordio della compagnia, che ha in seguito partecipato a numerosi festival nazionali. Nel 2013 produce con il contributo del Comune di Bergamo lo spettacolo scritto da Elena Strada “Il Giardino delle Rose” con la regia di Rajeev Badhan. Nel 2014, grazie al sostegno del Festival Ecce Histrio di Brescia, dà vita allo spettacolo/performance “Primo Canto per Voce e Tempesta” dal testo “Causa di Beatificazione” di Massimo Sgorbani interpretato da Elena Strada ispirato alla figura della Santa Angela da Foligno. SlowMachine ha anche una sezione di teatro ragazzi con cui ha prodotto due spettacoli “Le Fiabe dei Fratelli Grimm”, “Babbo Natale Rock”, rappresentati in numerose rassegne e scuole in tutto il nord Italia. Dal settembre 2014 SlowMachine inizia il progetto triennale presso il Teatro Comunale di Belluno in collaborazione con la Fondazione Teatri delle Dolomiti e il Comune di Belluno. Dal 2014 inizia a lavorare in teatro progettando e realizzando la Stagione del Teatro Comunale dandole il nome di BELLUNO MIRAGGI che sotto la direzione artistica di Rajeev Badhan e Elena Strada che si occupano anche dell’organizzazione, della promozione e delle idee comunicative avvalendosi della collaborazione di artisti e professionisti del territorio. La programmazione ha per ora ospitato 4 prime regionali di artisti riconosciuti a livello internazionale, oltre a coinvolgere attivamente la provincia con spettacoli in luoghi non teatrali, incontri, laboratori e collaborazioni con le realtà presenti sul territorio.